IL SITO di SPINERA di BRENO, tra Protostoria e Romanità 

 

Pochi chilometri a Nord si Cividate Camuno, in Comune di Breno (Media Valle Camonica), il Parco Archeologico dedicato al luogo di culto romano si colloca sulla sponda sinistra del fiume Oglio.

Aperto al pubblico nel 2007, il sito è raggiungibile anche tramite una gradevole passeggiata lungo la pista ciclabile lungofiume, con partenza da Cividate Camuno: questo tragitto collega i siti romani della Civitas Camunnorum (Cividate Camuno) con l’antico luogo di culto extraurbano, uno tra i più interessanti del Nord Italia.

L’attuale musealizzazione permette di ammirare i resti del santuario romano dedicato alla dea Minerva (I-V sec. d.C), la cui statua marmorea originale è custodita all’interno del Museo Archeologico di Valle Camonica in Cividate Camuno, insieme ai numerosi e vari reperti provenienti dal sito.

La sacralità del luogo tuttavia risale ad un’epoca precedente, affondando le sue radici almeno nella prima età del Ferro (almeno VI sec. a.C.), come testimoniano i reperti datati all’epoca protostorica. Tra questi spicca per preziosità la celebre placchetta bronzea raffigurante una presunta divinità femminile in atteggiamento orante, la cui estremità inferiore è rappresentata dalla cosiddetta “barca solare” con protomi ornitomorfe. Questo ritrovamento, anch’esso custodito presso il Museo Archeologico in Cividate Camuno, rappresenta un collegamento concettuale con il mondo dell’arte rupestre, ovvero col patrimonio più caratteristico di Valle Camonica

 

BRENO: castello, centro storico, Museo Camuno

 

Sin dall’epoca medievale la cittadina di Breno ricopre un ruolo centrale in Vallecamonica. Storica e vivace sede di schiere di notai, di avvocati e di possidenti locali e forestieri, Breno ha attirato nel corso della storia anche la classe artigianale: calzolai, pellicciai, falegnami, fabbri, orefici, tessitori, sarti. La storia di Breno è anche la storia delle sue chiese: particolarmente degne di visita sono S. Antonio ed il Duomo.

La più grande rocca di cui rimane traccia evidente in Val Camonica, il castello di Breno, domina il passaggio tra la bassa e la media valle. Posizionato su una collina abitata sin dal neolitico, fu sottoposto a diversi assedi tra medioevo ed età moderna, per poi venire gradatamente abbandonato verso la fine del '500.

 

 

Nel centro storico è possibile visitare uno scrigno di cultura locale: il Museo Camuno, che contiene una notevole collezione di dipinti e di reperti del patrimonio culturale di valle. I reperti e le opere in esso custoditi spaziano dalla preistoria sino all’età contemporanea