CERVENO

 

L’abitato di Cerveno, confinante con quello di Ono San Pietro, sorge sul fertile conoide della montagna di Concarena, incluso nell’Ecomuseo “Montagna di Luce”.

Borgo squisitamente a vocazione agricola ed in particolar modo vitivinicola, nel corso della storia i suoi abitanti hanno beneficiato di particolari, differenziate risorse naturali. Oltre agli alti pascoli, alla ricchezza dei corsi d’acqua in grado di sostentare mulini e forni fusori, Cerveno poteva contare sulle risorse minerarie delle montagne circostanti, le quali hanno alimentato una delle attività più redditizie della storia antica: la metallurgia.

Queste attività hanno lasciato tracce evidenti sul territorio, che il borgo ha saputo conservare e valorizzare nel corso dei secoli sino all’attuale.

 

Percorrendo le stradine del centro storico e le sue vie dell’acqua infatti, è possibile visitare la Casa Museo, antico edificio rurale ristrutturato a centro di valorizzazione degli aspetti etnografici del territorio, l’antico mulino, il caseificio turnario storico, ricavato all’interno di un’antica fucina.

Fiore all’occhiello della realtà cervenese sono la Chiesa parrocchiale (XI sec.) con annessi Oratorio dei Disciplini ed il Santuario della Via Crucis, contenenti preziose statue lignee opera di Beniamino Simoni e della Famiglia Fantoni. La presenza delle Cappelle del Santuario ha ispirato la secolare manifestazione della “Santa Crus”, sacra rappresentazione vivente che costituisce ad oggi un atteso, rinomato appuntamento a scadenza decennale

 

JavaScript deve essere attivo per utilizzare Google Maps.
Sembra infatti che JavaScript sia disabilitato o non supportato dal tuo browser.
Per visualizzare le Google Maps, attiva JavaScript modificando le opzioni del tuo browser e poi riprova.